Adele Moriconi - articoliperanziani.it
 
 
   
 
 
 
Accettiamo
paypal
        Cerca
     Scegli opzione di ricerca qui:
     
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
       
Catalogo on line > Donna > Fitness < Indietro
  Athena pelvic trainer - elettrostimolatore perineale Art. 460 401  
   
 
Zoom
 

 
 
 
Descrizione:
Riprendi il controllo! Quanto è forte il tuo pavimento pelvico?
Athena Pelvic Muscle Trainer ® è un’apparecchiatura elettromedicale che stimola e rafforza la muscolatura del pavimento pelvico femminile: controllabile e sicura, piccola e portatile, senza fili, offre prestazioni di alto livello.
Per prevenire e curare l’incontinenza e per aumentare il piacere sessuale.

Il pavimento pelvico e la vita sessuale
Lo dicono gli esperti, e lo sa la maggior parte delle donne, che una muscolatura pelvica forte regala una vita sessuale più soddisfacente.

Per capire il perché, vediamo cosa accade durante un orgasmo:
– il cuore batte più velocemente e la respirazione si fa più pesante per “alimentare” questi muscoli;
– si liberano gli ormoni del piacere;
– il sangue si irrora nei genitali;
– si crea quella tensione che si libererà negli spasmi muscolari genitali:
la muscolatura pelvica si contrae 8-15 volte a intervalli di circa 1 secondo.

Se l’essenza dell’orgasmo è focalizzata sulla muscolatura pelvica, non sorprende scoprire che una muscolatura pelvica forte regala:
– sensazioni più intense durante il rapporto;
– migliore circolazione sanguigna in loco e migliore irrorazione del clitoride;
– migliore capacità di contrazione;
– in definitiva, un orgasmo migliore.

LEGGI UN BRANO SUL LEGAME TRA PERINEO E VITA SESSUALE.

“…Il mito della vagina passiva è proprio della nostra cultura. I muscoli genitali hanno invece bisogno di esercizi come qualsiasi altro muscolo. E proprio come in qualsiasi altra parte del corpo, esercitando i muscoli genitali accresci il tono e la flessibilità e aumenti la circolazione verso il muscolo e il tessuto circostante. Con l’aumento della circolazione, aumenta la sensibilità dell’area.
Nella letteratura erotica del lontano medio oriente, i genitali femminili vengono descritti come aggressivi e attivi…Le Yogini indiane – che ritengono l’area genitale contenga un’energia fondamentale, la Kundalini, che dev’essere stimolata e vivacizzata in modo che possa diffondersi lungo la colonna vertebrale ed attivare i centri dei plessi nervosi superiori – fanno esercizi vaginali da secoli.
Nella loro terapia per le donne con “problemi sessuali”, i dottori Masters e Johnson danno da fare alle donne degli esercizi vaginali da eseguire quotidianamente per aumentare la forza e la sensibilità genitale. Più i muscoli pubococcigei sono esercitati, più sensibilità e coscienza vi si sviluppa, più piacere riuscirai a provare. Gli esercizi sono facili e possono essere fatti spesso e ovunque. Nessuno se ne accorgerà”

Tratto da “Si fa chiaro. Esercizi per il corpo e per l’anima”.
Di Anne Kent Rush – Nuovi Editori, Roma 1979


Il pavimento pelvico e il parto

La maggior parte delle donne che ha partorito è stata informata sull’importanza di fare esercizi per ritonificare il pavimento pelvico dopo il parto, per riportare tutta la muscolatura pelvica in condizioni ottimali e risolvere l’incontinenza da sforzo che spesso si presenta in gravidanza. Il più delle volte, specialmente nelle donne molto giovani, questo tipo di incontinenza scompare spontaneamente nei mesi successivi al parto, ma in circa 1 donna su 5 è ancora presente a un anno di distanza e in alcune persisterà per sempre, peggiorando con l’età.

È quindi evidente quanto sia importante ritonificare la muscolatura pelvica dopo un parto.
LEGGI UN BRANO SUL LEGAME TRA PERINEO E PARTO.

“…Tante volte una disfunzione del pavimento pelvico comporta problemi piccoli e scarsamente evidenti fino al momento di una gravidanza, dopo un parto o al momento della menopausa, e quindi la donna non cerca aiuto. Invece sarebbe importante coglierne i primi segni, poiché prima si inizia un lavoro di recupero, più facile e sicuro è il risultato. La donna con una buona padronanza del suo perineo prima del parto, avrà molti meno problemi dopo di esso. Conoscendo i segni e i sintomi di una disfunzione del pavimento pelvico, è possibile fare una diagnosi prima che si instauri una vera e propria patologia, e si può proporre alla donna esercizi e nuove abitudini di vita quotidiana allo scopo della prevenzione e del recupero…”

Tratto da “Perineo e dintorni”.
Di Autori vari – Ed. Scuola elementare di arte ostetrica srl


Il pavimento pelvico e l’incontinenza

I tre tipi di incontinenza.
Perché diventiamo incontinenti?
Cosa possiamo fare per rafforzare la muscolatura pelvica e migliorare l’incontinenza.
Ci sono tre tipi di incontinenza

L’incontinenza da sforzo, ovvero la perdita di urina durante attività fisiche che esercitano stress sulla vescica: uno sforzo, una risata, uno starnuto, un colpo di tosse, l’alzarsi di scatto, … È il tipo di incontinenza più comune e ne soffrono moltissime donne, anche giovani e di mezza età.

L’incontinenza da urgenza, cioè il bisogno impellente, forte, improvviso, e spesso inaspettato, di urinare, seguito da una contrazione della vescica che rilascia l’urina. Chi soffre di questo tipo di incontinenza non ha controllo su ciò che accade. Questo tipo di incontinenza è prevalente nelle donne anziane.

L’incontinenza mista è il disturbo di chi soffre sia di incontinenza da sforza sia di incontinenza da urgenza.

Sali
Perché diventiamo incontinenti?

Le cause che portano all’incontinenza possono essere diverse e variamente associate. Schematicamente, possiamo parlare di:

Fattori predisponenti: per esempio alterazioni genetiche del tessuto connettivo o muscolare, predisposizione familiare, ereditarietà, sesso, anomalie anatomiche.

Fattori di iniziazione: per esempio gravidanza, parto, chirurgia radicale e radioterapia pelvica.

Fattori di promozione che contribuiscono allo sviluppo e all’aggravamento dell’incontinenza: per esempio obesità, stipsi, broncopatie croniche, fumo, infezioni delle vie urinarie, menopausa, farmaci, malattie neurologiche.

Fattori scompensanti: per esempio età, debilitazione, alcune patologie croniche (diabete, cardiovasculopatie).

Il primo sintomo di una possibile futura incontinenza è il frequente stimolo a urinare, senza che vi sia una reale necessità (poca o pochissima urina da espellere).

Sali
Cosa possiamo fare per rafforzare la muscolatura pelvica e migliorare l’incontinenza.

L’incontinenza si può migliorare e, in molti casi, guarire. Le strade possibili sono tre: quella chirurgica, quella farmacologica e quella della rieducazione.

La rieducazione può essere:

- Manuale, svolta dal fisioterapista che controlla e stimola manualmente le aree interessate;

- Con biofeedback: una tecnica che aiuta a identificare la muscolatura pelvica, per essere certe di usare i muscoli giusti durante gli esercizi riabilitativi;

- Attraverso l’uso di piccoli particolari pesi, che vengono inseriti in vagina e devono essere trattenuti in loco mentre si svolgono le normali attività quotidiane;

- Con l’elettrostimolazione funzionale, ovvero la somministrazione tramite piccoli elettrodi di lievi correnti intravaginali (e/o intraanali) che stimolano la contrazione muscolare passiva e producono un incremento delle masse muscolari in azione. Gli elettrostimolatori del pavimento pelvico sono apparecchiature che tonificano la muscolatura pelvica eseguendo gli esercizi riabilitativi con delicatezza e in modo automatico. Athena Pelvic Muscle Trainer ® appartiene a questa categoria di apparecchiature.


Segni e sintomi

Segni e sintomi che possono indicare una disfunzione del perineo

1. difficoltà o incapacità di interrompere il mitto (getto urinario);
2. perdita di urina sotto sforzo (tosse, starnuto, sollevamento di pesi…);
3. insoddisfazione sessuale, dolori in vagina durante i rapporti sessuali;
4. sensazione di pesantezza, instabilità nella zona perineale;
5. difficoltà a mantenere in sede un assorbente interno o il diaframma;
6. fuoriuscita di acqua dalla vagina dopo il bagno;
7. rumori di aria dalla vagina (per esempio durante esercizi Yoga);
8. difficoltà a trattenere gas intestinali, feci;
9. emorroidi;
10. stitichezza, malgrado un’alimentazione adeguata e sufficiente apporto di liquidi.

L’ostetrica e il ginecologo possono favorire una diagnosi precoce anche in collaborazione con l’urologo e la terapista della riabilitazione.

Tratto da “Perineo e dintorni”.
Di Autori vari – Ed. Scuola elementare di arte ostetrica srl.


Note:
Cosa differenzia Athena da apparecchiature simili?

– Athena è certificata CE come apparecchiatura medicale
– Athena è certificata FDA come apparecchiatura medicale
– Athena è notificata al Ministero della Salute italiano
– Athena è stata testata con successo nel corso di uno studio clinico condotto al
Baylor College of Medicine di Houston (Texas)
– Athena è richiede sessioni di soli 15’ (contro la media dei 30’ delle apparecchiature simili)
– Athena è l’UNICA apparecchiatura per la stimolazione pelvica SENZA FILO di collegamento tra sonda ed elemento di controllo.